“Coaching Mourinho”, il modo per essere vincenti nella vita

Di Fabiola Rieti

Su Josè Mourinho sono stati spesi fiumi di inchiostro, ma nessuno ha mai raccontato lo “Special One” dal punto di vista della strategia di azione estesa in senso lato. E’ proprio quello che hanno scelto di analizzare Juan Carlos Cubeiro e Leonor Gallardo nel  libro “Coaching Mourinho”.

“La mia vita consiste sempre nell’essere un passo avanti”

Gli autori raccontano le tecniche e le strategie vincenti del più grande allenatore del mondo ripercorrendo successi e fallimenti dalle polemiche alle iniziative geniali per tracciare, attraverso il suo modus operandi, il percorso per essere vincenti nella vita.

“C’è chi ride dopo una vittoria, ma io non ho tempo di festeggiare i successi”

Investire nel proprio talento è l’attività più redditizia che esista. Ma perché il talento sia tale bisogna sapere, volere e potere e contemporaneamente presentare bene i risultati che si ottengono. La lezione di Mourinho si articola in otto punti:
• Motivazione interna. Solo tu puoi “mou-tivare” te stesso;
• Orientato ai risultati. “Mou-bilita” le tue energie;
• Unificare criteri. “Mou-ntare” assieme i pezzi;
• Risposta sorprendente. Il mondo non è dei “mou-derati”;
• Iniziativa totale. Il “mou-vimento” porta un miglioramento;
• Nuotare fra i pescecani. “Mou-difica” la tua condotta per adattarti;
• Umanità con i tuoi. Ricorda che sei “mou-rtale”;
• Orchestrare la sinfonia. Sii un “mou-dello” per gli altri.

Secondo lo studio dei due autori, il segreto dell’allenatore portoghese sta nel cercare costantemente motivazioni da solo, mantenendo alta la concentrazione sull’obiettivo da raggiungere e sui risultati da ottenere. Si concentra sulla squadra cercando di creare l’ambiente ideale, perché lo sforzo individuale in un impegno collettivo rende vincenti.

 “I giocatori non vincono i trofei. Le squadre vincono i trofei. Il gruppo vince i trofei”

Mourinho spiazza sempre con le sue dichiarazioni, ma il suo modo sincero di rivolgersi lo ha reso una star. In un mondo ipocrita l’onestà si distingue sempre. Intraprendere nuove sfide entusiasmanti porta sempre ad ottenere risultati. L’iniziativa e il coraggio premiano sempre. Non deve esserci il timore di confrontarsi con gli altri, in quanto l’uso dell’intelligenza emotiva permette di gestire i rapporti sia con le persone positive sia con quelle negative.

“Non faccio lavoro fisico. Difendo la globalizzazione del lavoro. Non so dove cominci la parte fisica e finisca quella psicologica e tattica”

Molti dei giocatori e dei collaboratori di Mou dicono meraviglie di lui, in realtà la fiducia che il tecnico infonde nei suoi permette loro di raggiungere livelli tali da riconoscergli il merito assoluto. Senza la persona che dirige l’orchestra la squadra non potrà mai essere vincente.

“Non chiamatemi arrogante, ma sono campione d’Europa e mi considero una persona speciale”

Avallardi
192 pagine | 12,90 euro

No comments yet

Leave a Reply





XHTML: You can use these tags: