“Il ring invisibile” di Cassius Clay

Lo scrittore francese Alban Lefranc con il libro “Il ring invisibile, edito da 66thand2nd si è aggiudicato il Grand Prix Sport et Littérature 2013.
Il protagonista è un giovane Cassius Clay raccontato tra realtà e qualche licenza letteraria proponendo una biografia già definita “visionaria e incandescente”. Lo spunto viene offerto da un fatto di cronaca che secondo molti ha dato un nuovo corso alla storia degli Stati Uniti: l’omicidio di Emmett Till. Era il 28 agosto 1955 nella cittadina di Money, Mississippi, e l’adolescente afroamericano viene massacrato per aver osato importunare una donna bianca.

 

Cassius ha quasi la stessa età della vittima e ancora non sa che un giorno diventerà Muhammad Ali, “The Greatest”, ma la foto scioccante di quel volto sfigurato, trasformò un ragazzino di Louisville nel più straordinario dei combattenti.
“La sera mio padre ci parlava di Emmett e ci raccontava in modo accorato il delitto. Continuai a pensare a lui, fino al giorno in cui mi venne in mente come far pagare ai bianchi la sua morte”. Questa dichiarazione di Cassius Clay è l’elemento da cui parte Lefranc per esplorare l’Ali uomo prima del campione. Una sorta di genesi dell’atleta che ha trasformato l’impresa sportiva in un atto politico, civile e rivoluzionario.

 

66thand2nd
152 pagine | 15 euro

 

 Video con alcune immagini dei combattimenti di Cassius Clay



Please Enter Your Facebook App ID. Required for FB Comments. Click here for FB Comments Settings page

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: